NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente autorizza le modalità d'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIE POLICY
---------------------------------------------------------------


Utilizzando il nostro sito, cliccando su qualunque elemento, l'utente accetta l'uso dei cookie.

 

Il sito web www.gstitalia.it utilizza cookie per garantire il suo perfetto funzionamento e per rendere i propri servizi semplici ed efficienti per l'utente che visita le pagine del sito.

 

Per avere maggiori informazioni, per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, l'utente può leggere l'informativa estesa sui Cookie e quella della Privacy.

  • slide1.jpg
  • slide3.jpg
  • slide4.jpg
  • slide5.jpg
  • slide8.jpg

Un modello di gestione integrato

Lavorare per la sicurezza dei territori e delle comunità, vuol dire avere un metodo di lavoro molto preciso, uno dei nostri asset: pianificare prima, applicare durante, gestire poi. Che vuol dire in sostanza lavorare per la prevenzione di disastri ambientali, analizzando e monitorando quotidianamente le zone di competenza. Questo impegno ci consente di oltretutto di guardare al futuro con competenza e di attingere al nostro patrimonio di esperienze e competenze per applicarle a sistemi complessi di gestione integrata dell'ambiente, dell'efficienza energetica, della mobilità, della comunicazione verso i cittadini delle smart cities.

Un modus operandi che fa precedere e seguire agli interventi “in emergenza”, azioni di miglioramento delle condizioni di sicurezza del territorio - inteso come ambiente naturale, costruito e sociale.  Tutto con lo scopo di mitigare i rischi attuali e futuri.
Riteniamo di essere partner ideale dei decisori pubblici, per la nostra originale visione di insieme già testata con successo in SMA.
 Siamo in grado di fornire servizi a supporto della Protezione Civile. Siamo in grado di dotare i decision maker di strumenti per valutare, decidere, intervenire, nei casi di rischi naturali e antropici (incendi, alluvioni, valanghe, inquinamento idro-meteo, inquinamento e rischio urbano e industriale). Ancora, in caso di emergenze, siamo in grado di formare nuovi profili, determinare le responsabilità a vari livelli di comando e controllo, governare risorse umane e sistemi complessi per l'intero ciclo delle emergenze e per i vari scenari di rischio.


Il metodo in fasi:

PREVISIONE
Identificazione delle cause dei fenomeni calamitosi, possibilità di innesco e rischi (zonizzazione delle aree a rischio)

PREVENZIONE
Attività ordinarie per eliminare o mitigare i possibili rischi

RISPOSTA ALL'EMERGENZA
Attuazione delle procedure di intervento in risposta all'emergenza

RIPRISTINO DELLA NORMALITÀ
Attività e procedure di management recovery a breve, medio e lungo termine

STESURA DEI PIANI DI EMERGENZA
Raccolta delle informazioni relative alla conoscenza del territorio, identificazione degli scenari di rischio, individuazione degli obiettivi da conseguire nella pianificazione.