NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente autorizza le modalità d'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIE POLICY
---------------------------------------------------------------


Utilizzando il nostro sito, cliccando su qualunque elemento, l'utente accetta l'uso dei cookie.

 

Il sito web www.gstitalia.it utilizza cookie per garantire il suo perfetto funzionamento e per rendere i propri servizi semplici ed efficienti per l'utente che visita le pagine del sito.

 

Per avere maggiori informazioni, per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, l'utente può leggere l'informativa estesa sui Cookie e quella della Privacy.

  • slide1.jpg
  • slide3.jpg
  • slide4.jpg
  • slide5.jpg
  • slide8.jpg

"Vivere bene entro i limiti del Pianeta"

Alla fine del 2013 il Parlamento europeo e il Consiglio hanno approvato il 7° Programma di azione per l'ambiente che all'insegna dello slogan

“Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta” detta le strategie della politica ambientale europea da qui al 2020, ampliandone la visione sino al 2050, anno in cui, secondo quanto riportato nel provvedimento “...vivremo bene nel rispetto dei limiti ecologici del nostro pianeta. Prosperità e ambiente sano saranno basati su un’economia circolare senza sprechi, in cui le risorse naturali sono gestite in modo sostenibile e la biodiversità è protetta, valorizzata e ripristinata in modo tale da rafforzare la resilienza della nostra società. La nostra crescita sarà caratterizzata da emissioni ridotte di carbonio e sarà da tempo sganciata dall’uso delle risorse, scandendo così il ritmo di una società globale sicura e sostenibile".

Il piano prevede che la filiera agrochimica contribuisca al raggiungimento dell'obiettivo complessivo risolvendo alcune problematiche rimaste tuttora insolute, tra le quali:
- Effetti combinati delle miscele di sostanze chimiche. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) è stata incaricata di mettere a punto una metodologia di valutazione del rischio in seguito all'esposizione simultanea a più sostanze chimiche: la sfida è in atto sin dal 2008, quando sono state valutate le metodologie disponibili, con particolare riferimento a quanto operato dall'Epa americana, seguita dalla prima applicazione pratica, condotta nel 2009 su di un gruppo selezionato di fungicidi triazolici. L'11 febbraio ci sarà un incontro con gli specialisti della filiera agrochimica per illustrare i progressi fatti e i necessari approfondimenti.

- Nanomateriali. Le mirabilie della nuova tecnologia che conferisce proprietà inaspettate a sostanze tradizionali ha come rovescio della medaglia l'alta probabilità che ai nuovi potenziali benefici si associno nuovi effetti collaterali che andranno investigati approfonditamente. Per il 2014 è attesa la pubblicazione ufficiale di una linea guida che li identificherà con precisione.

- Perturbatori endocrini. Dopo numerosi rinvii, le linee guida per l'identificazione delle sostanze con proprietà di “Endocrine disruptors” dovrebbero vedere la luce alla fine del 2014-inizio 2015 e consentiranno di finalizzare la valutazione del rischio di numerose sostanze attive approvate in Europa.

L'obiettivo temporale per affrontare e vincere queste sfide ambiziose è il 2020, anno entro cui questi interrogativi si dovranno trasformare in routine. (Fonte: agronotizie.it)